Skip to content

Perchè Messina è stata penalizzata da Musumeci ?

Previti_Amministrative2022_MessinaWebTV
Non poteva mancare, ai margini dell’intervista, una puntuale polemica con il candidato di una buona parte del centrodestra, Maurizio Croce

Il tema relativo al riparto dei finanziamenti del fondo sviluppo e coesione 2021-2027 Regione Sicilia al centro di una conferenza stampa che si è svolta stamani con l’on Cateno De Luca, leader di Sicilia Vera e candidato alla Presidenza della Regione Siciliana e l’ex ass. Carlotta Previti.

 

 

Al centro del dibattito alcuni significativi interrogativi:

Perché Messina è il territorio più penalizzato?

Quali sono i territori più premiati?
Che fine hanno fatto i fondi POC destinati a Messina?

 

 

Il decreto legislativo n. 88 del 31 maggio 2011, ha ridefinito il precedente Fondo per le Aree Sottoutilizzate (FAS) nel Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC), con l’obiettivo di “dare unità programmatica e finanziaria all’insieme degli interventi aggiuntivi a finanziamento nazionale, che sono rivolti al riequilibrio economico e sociale tra le diverse aree del Paese”.

 

 

Il Fondo è finalizzato al finanziamento di progetti strategici di carattere sia infrastrutturale, sia immateriale, di rilievo nazionale, interregionale e regionale in un quadro di unitarietà̀ strategica, tenendo conto di principi di complementarietà̀ e addizionalità̀ sia con la programmazione dei fondi europei, sia con gli interventi di carattere ordinario.

“A chi dichiara che il territorio di Messina è stato penalizzato dai cattivi rapporti di Cateno DE LUCA con Musumeci- conclude il leader di Sicilia Vera – rispondo che questo agire amministrativo è improntato ad una cultura politico- mafiosa che penalizza i territori condizionandone lo sviluppo. I finanziamenti sono pubblici e devono essere gestiti con criteri di trasparenza e imparzialità e non in base a rapporti personalistici o peggio logiche elettorali.”

Non poteva mancare, ai margini dell’intervista, una puntuale polemica con il candidato di una buona parte del centrodestra, Maurizio Croce

 




Condividi questo post

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email