Skip to content

Ritardo nel pagamenti ai dipendenti della KSM. La Filcams Cgil chiede un incontro con gli enti pubblici

giselda campolo cgil
La segretaria della Cgil Filcams di Messina Giselda Campolo ha inviato una diffida alla ditta di servizi di vigilanza e ha chiesto un incontro con gli enti pubblici coinvolti

“Non devono esistere lavoratori di serie A e lavoratori di serie B. Al contrario è ciò che avviene costantemente con la KSM che nell’ultimo mese di marzo ha pagato solo un acconto. In barba a quanto previsto dalla legge, creando per l’ennesima volta una forte e grave disparità nei confronti degli operatori di vigilanza in base alla provincia – sede in cui lavorano e all’appalto ricevuto”.

E’ il duro attacco contenuto nella lettera di diffida inviata dalla Cgil Filcams di Messina, guidata dalla segretaria generale Giselda Campolo, alla nota azienda che gestisce servizi di vigilanza e sicurezza per importanti enti pubblici e aziende private in Sicilia.

“La ditta non dimostra rispetto delle norme – spiega la Campolo – gestisce in modo patologico gli stipendi che non possono assolutamente essere retribuiti col sistema dell’acconto e saldo, chiedendo continue deroghe a lavoratori e lavoratrici. L’ultimo accordo tra l’altro non era passato e, nonostante questo, la KSM ha continuato a pagare con ritardo. L’anno scorso, solo per fare un esempio, la quattordicesima era stata gestita con modalità diverse perché concordato con altre organizzazioni sindacali: una firma da noi non condivisa, scelta che oggi, evidentemente, ci dà ampia ragione”.

“Tutto questo è inaccettabile. Per queste ragioni chiederemo anche un incontro con gli enti pubblici coinvolti. Comprendiamo bene le difficoltà della ditta – prosegue la Campolo – esiste un piano concordatario che l’azienda non sta mostrando alle organizzazioni sindacali che invece hanno diritto di conoscere lo stato in cui si trova la ditta, modalità e tempi di rientro. Il comportamento della KSM è ancora più grave se pensiamo – conclude la segretaria – che il prossimo 2 maggio è previsto lo sciopero nazionale del settore vigilanza privata per il mancato rinnovo del contratto e crediamo ci sarà ampia partecipazione”.

 

 

 

Condividi questo post

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email