Skip to content

Un “museo sott’acqua” nei fondali di Isola bella per rilanciare il turismo a Taormina

isola bella
A proporre il progetto Salvatore Merlino (Dc): "Sto lavorando con imprenditori privati ad un percorso di camminamento che rispetti i fondali, la fauna e la flora"

Valorizzare Isola Bella realizzando un museo sott’acqua fruibile da turisti e visitatori. E’ il progetto lanciato da Salvatore Merlino, candidato alle prossime elezioni regionali con la Dc e responsabile provinciale delle infrastrutture, trasporti e isole Eolie del partito.

“Sto lavorando con imprenditori privati ad un progetto da proporre poi agli enti istituzionali per creare vicino Isola Bella a Taormina, un percorso di camminamento che rispetti i fondali, la fauna e la flora del luogo – ha annunciato Merlino – realizzando un museo sott’acqua, con opere e sculture di artisti famosi. Il museo sarà visitabile da tutti attraverso un sistema di tunnel collegati, studiati appositamente a zero impatto ambientale. Il museo sott’acqua potrà essere finanziato con i fondi Pnrr e grazie al supporto di partner finanziari privati nazionali ed internazionali, oltre che pubblici”.

 

“Visitare il museo – ha aggiunto Merlino – sarà possibile con immersioni diurne e notturne facendo snorkeling, attraverso tunnel trasparenti con percorsi di camminamento o con escursioni su barche dal fondo di vetro. Questo progetto, qualora fosse finanziato e approvato, porterebbe alla creazione di un attrattore culturale e turistico di straordinaria importanza. In un’ottica di valorizzazione del patrimonio sommerso, cogliendo l’occasione offerta da finanziamenti europei, si potrà ideare un innovativo sistema di visita museale, attraverso la realizzazione appunto di tunnel sottomarini trasparenti, accessibili direttamente dalla superficie, in prossimità della battigia”.

“Sarà necessario – ha chiarito l’esponente della DC – un progetto preliminare di impatto ambientale e di studio della sicurezza per i sistemi eco marini per rispettare i fondali. Si dovrà poi realizzare un’esposizione che coniughi allo stesso tempo le meravigliose atmosfere della natura sott’acqua e la visione di splendide opere d’arte. Un’esperienza unica, che potrà offrire anche nuove possibilità di lavoro, oltre a diventare subito un luogo culturale di riferimento in ambito mondiale vista la novità proposta”.

“In questa area – ha spiegato – è necessario, inoltre, sviluppare un HUB di alta formazione turistica. Saranno create così, anche qui, aziende innovative che sappiano sfruttare le nuove tecnologie per rendere l’approccio ai luoghi più smart e accessibile per i viaggiatori. Il settore turistico deve valutare nuove competenze. Tra queste ci sono ad esempio alcune lingue straniere, come cinese e arabo, in pratica quelle dei mercati in espansione da dove arrivano più turisti. E’ necessario poi avviare un processo innovativo per orientare il personale verso corsi specifici di grande utilità e interesse come quelli delle nuove digital skill per il web nel mondo turistico. Questo settore – ha concluso – deve essere riqualificato proprio perché vive una continua evoluzione”.




Condividi questo post

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email