Skip to content

Una Messina mai vista nelle manifestazioni del centenario del monumento dedicato ai Finanzieri periti nel terremoto del 1908

Il monumento del Gran Camposanto dedicato ai finanzieri
Presentata la manifestazione convegnistico-espositiva legata al “Centenario dell’inaugurazione del monumento al Gran camposanto di Messina dedicato ai finanzieri periti nel terremoto siculo-calabro del 1908”.

Si è tenuta oggi, presso la Sala Briefing del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Messina, la presentazione alla stampa la manifestazione convegnistico-espositiva legata al “Centenario dell’inaugurazione del monumento al Gran camposanto di Messina dedicato ai finanzieri periti nel terremoto siculo-calabro del 1908”.

In particolare, il 26 aprile sarà presentato il libro “Il monumento alla regia guardia di finanza nel Gran camposanto di Messina” del Prof. Vincenzo Caruso, in commemorazione del centenario, e promosso dal Comando della Guardia di Finanza. Ed. Di Nicolò.

Martedì 26 aprile alle ore 17.30, nella chiesa Santa Maria all’Arcivescovado, si terrà l’inaugurazione, della mostra a cura della biblioteca regionale, visitabile fino alla fine di maggio “Sulla città piagata e straziata dalla devastazione del 1908. Il tributo alle vittime di poeti, scrittori e giornalisti”.

Mercoledì 27 aprile alle 10,45, nel salone della biblioteca regionale, si terrà l’inaugurazione dell’esposizione bibliografico-iconografica per la commemorazione dei caduti della regia Guardia di Finanza e dei componenti del corpo da annoverare fra i soccorritori del terremoto del 1908.
La mostra che spazia dall’Unità d’Italia al 1922, anno della marcia su Roma, comprende una parte iconografica fornita dalla Guardia di Finanza, con divise datate e materiale di rilievo, in collaborazione con il Comando Provinciale ed il museo storico della Guardia di Finanza.

 

L’evento di oggi è stato introdotto dagli ideatori della manifestazione; dall’ex assessore comunale al Turismo ed alla Cultura e direttore del parco museo storico di Forte Cavalli Prof. Vincenzo Caruso, dalla dottoressa Tommasa Siragusa, direttrice della Biblioteca Regionale “G. Longo” di Messina ed dal Comandante Provinciale della Guardia di Finanza, il colonnello Gerardo Mastrodomenico .

“La nostra biblioteca – chiosa la dottoressa Siragusa – è stata sempre al servizio della città, dal 2018 ci sforziamo di dare un grande contributo culturale alla Città. Siamo in possesso di seicentomila volumi e mettiamo a disposizione i nostri spazi per manifestazioni culturali.”
Il Professore Caruso ha dichiarato che grazie alla stampa di allora è riuscito a ricostruire i movimenti del re Vittorio Emanuele III e dei ministri Fulci e De Vito legati alla commemorazione e alla visita alla Città.

Leggendo, studiando e “scavando” – dichiara Vincenzo Caruso – ho scoperto fotografie inedite, foto mai pubblicate, foto introvabili perché foto di famiglia, come quelle del re con Vincenzo Miloro, nonno dell’architetto Vincenzo Miloro.
“Il libro dello studioso Vincenzo Caruso – conclude la dottoressa Siragusa – che rende onore ai tantissimi caduti della regia Guardia di Finanza, è stato possibile grazie anche al preziosissimo materiale della nostra biblioteca. Libri, per citarne uno, come Morte sullo Stretto di Gerardo Severino. In generale, ci soffermiamo sulla ricostruzione post 1908, ma nella “nostra” biblioteca, su incarico ministeriale, abbiamo un archivio enorme per tutto ciò che riguarda il terremoto del 1908”.

 




Condividi questo post

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email